Aggiungi

L'ultima osteria

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola Biblioteca di Cucina Letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 96

Dall’autore che ispirò Profumo di donna, i racconti intorno al cibo per conoscere uno dei grandi scrittori del Novecento. Nel libro sono proposti i racconti che, con la grande capacità narrativa di Giovanni Arpino, descrivono bar, osti, piatti, cene e, più in generale, il cibo.

«È vino buono. Giovane. Lo trova solo da me. Del resto, la mia è l’ultima osteria rimasta».
«Me l’avevano detto».
«Davvero? Scusi sa, mi spiace. Le osterie sono morte assassinate dal tempo e dalla fretta di oggi…».

Aggiungi

Minestrine

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 68

«La minestrina, per me, è una liberazione, l’affogare dolcissimo nel brodo della memoria.»

Dire minestrina significa evocare una sconfinata serie di immagini, parole, canzoni, spezzoni di film, ambientazioni. Più popolare della madeleine proustiana e capace di altrettanta forza evocativa e consolatoria, dopo essere stata fin troppo a lungo sbeffeggiata, ripudiata, snobbata, viene restituita alla sua vera essenza, quella di piatto democratico che piace ai vegani come agli onnivori, da una delle più affilate ed intelligenti scrittrici comiche italiane.

L’appendice storica completa l’ode alla minestrina con aneddoti e ricette, dalla minestra di fregola e quella di rape e patate, fino alla minestra matta.

Aggiungi

L'arrosto argentino

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 68


«Diventare asador è una vocazione a cui ci si dedica con rigore, seguendo le orme di uno o più maestri, nella consapevolezza di essere lo strumento di un magnifico pretesto per compiere il rito della conversada amistad, come la definiva Borges».

Il più famoso scrittore italiano di noir ci regala un racconto che è un thriller senza omicidio: la ricerca di un mitico personaggio ricostruita attraverso la figura di un vecchio asador che narra la sua vita di soldato mercenario. Un racconto struggente come un tango da cui viene fuori, irresistibile come il profumo della carne cotta alla brace, l’indimenticabile atmosfera della pampa argentina.

Un viaggio che si conclude con un approfondimento gastronomico dedicato proprio al rituale dell’asado.

Aggiungi

Spaghetti cozze e vongole

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria 
Confezione: cartonato con sovracoperta 
Formato: 11,5x17 cm 
Pagine: 92

«Ovviamente tanta dedizione ci costringeva a mangiare spesso fuori orario. Colazioni diventate pranzi. Pasta buttata nell’acqua bollente alle prime luci del mattino. Prima il piacere poi il piacere. Ci sono poche cose rinfrancanti come mettersi ai fornelli a ore senza nome con addosso la potenza dell’incontro appena consumato con un altro corpo. È stato così che ho iniziato a cucinare. Piatti di pesce, per lo più».

Per ogni piatto una storia: la raccontiamo attraverso le parole del Premio Strega 2015 Nicola Lagioia. Un libro autobiografico delicato e commovente, la storia convulsa, tenera e appassionante di una vita e di un amore che ruotano intorno a un piatto di spaghetti cozze e vongole.

A corredo del racconto, un approfondimento gastronomico sulla storia di questo famoso piatto, oltre a diversi consigli su come scegliere, riconoscere e acquistare i saporiti molluschi.

E in più, numerose ricette a base di pesce tratte dai ricettari di Osterie d’Italia. 

RECENSIONI 

"Poesia pura che sgorga dalla penna, lasciando nell'aria il sapore delle parole"LA FENICE BOOK 
"Un libricino molto carino, che soddisfa tutti i tipi di palato"LA LETTRICE RAMPANTE 
Spaghetti, cozze e vongole - BUR&SUCHER

Aggiungi

Insalata russa

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 128

«In occasione dei pranzi ufficiali, la nostra padrona di casa non se la sentiva di imbellettare certe trovate buone per le domeniche in famiglia, per un ricevimento le toccava darsi da fare. L'insalta russa era l'asse portante del suo buffet, un classico che gli ospiti si aspettavano di vedere apparire su un supporto speciale, fuori servizio.».

Una nonna, Antonietta Muratori Carducci, una nipote, Letizia Muratori, una famiglia lungo le traversie della vita, punteggiata, qui e là, dal piatto della padrona di casa, l’insalata russa.

Ogni protagonista di questa opera corale, ironica e intelligente, ha il suo speciale rapporto con la nonna, e quindi con il piatto. C’è chi non l’assaggia, come Anna, la vicina del piano di sopra, che arriva due minuti dopo l’inizio della soap preferita per non approfittare troppo dell’ospitalità; c’è chi, come la sorella Luciana, assiste seduta a tavola agli interrogatori tra nonna e nipote nel difficile periodo della separazione da un marito che la giovane aveva avuto la smania di sposare; e ancora chi, come l’autrice, nell’insalata russa rivede una vita, i Natali festeggiati il 22 dicembre, i giochi con i cugini, i lunghi interrogatori e la storia di un rapporto che va ben oltre le pagine di questo libro.

LE RECENSIONI DELLA STAMPA

Davide Coppo - Rivista Studio
La cucina di nonna era un imbroglio
Leggi

Antonella De Santis - Gambero Rosso
Insalata russa. Il nuovo tragicomico libro di Letizia Muratori
Leggi

Anna Prandoni - Linkiesta
L’insalata russa, metafora della nonna
Leggi

Rocco Moliterni - Tuttolibri La Stampa
Alla tavola del Natale borghese l'ospite d'onore è l'insalata russa
Leggi

Aggiungi

Il glicomane

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 96

«Si concentrò sulla lunetta fra collo e sterno dove si condensano gocce di traspirazione. Quel velo di umidità riluceva in modo innaturale. Portò il dito verso il collo, quell’umore era insolitamente appiccicaticcio, lo leccò… era dolce, dolcissimo.»

Georges Samla si sveglia una mattina con una strana sensazione riguardo al suo stesso corpo: c’è qualcosa che sembra essere cambiato in lui, il suo sudore è dolce e appiccicoso. Si tratta di una metamorfosi?

Fin dal nome del protagonista il richiamo a Kafka è evidente: Georges Samla decide di intraprendere un viaggio interiore con l’aiuto di un naturopata greco, viaggio che, si scoprirà, lo porterà a una sorprendente conclusione. Un racconto ironico e sottile, nella migliore tradizione dell’ironia surrealista yiddish, come Moni Ovadia ci ha sempre saputo offrire.

La nuova edizione di una piccola perla di narrativa dall'accento gastronomico.

Aggiungi

Agnolotti

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 96


Giuseppe Culicchia, da molti considerato uno dei migliori narratori italiani contemporanei, in un racconto scritto in prima persona: una divagazione, un reportage gastronomico, una storia intrigante per le vie di Torino.

Agnolotti punta a ripetere in chiave culinaria lo straordinario successo che Culicchia ha già ottenuto con tutti i suoi libri, a partire da Torino è casa mia.

Sullo sfondo della prima capitale d'Italia gli agnolotti, che occupano un posto speciale nella tradizione gastronomica piemontese, diventano il pretesto per parlare della prima adolescenza, di biciclette, di ragazze e di amici, della vita. E di Agnese, del suo bar-trattoria, della sfida continua tra i suoi agnolotti e quelli della mamma.

Aggiungi

Zuppa di latte

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 92

«Attorno alla stufa a legna usata per cucinare si costruivano i piatti della festa e della vita quotidiana: le lunghe cotture, le salse, le minestre e tante zuppe. Oggi mi sembra quasi irreale ricordare, innanzi a tanto dilagare di ricette, menù, diete e saccenti responsi di noi gastronomi su questa o quella preparazione, che il piatto forte della sera di quasi tutte le famiglie piemontesi era la supa ’d lait, la zuppa di latte».

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, racconta in Zuppa di latte una storia che ruota attorno alla semplicità della tradizione e ai piccoli piaceri quotidiani. Attraverso le sue parole torniamo indietro nel tempo, a quegli anni Ottanta in cui latterie punteggiavano ancora le città del Nord Italia, e ci raccogliamo attorno al potagé, la stufa dove, la domenica sera, veniva preparata la cena delle famiglie piemontesi, la supa ’d lait, zuppa di latte.

L’approfondimento alla fine del volume ci aiuta a capire l’importanza del latte nella nostra cultura: l’edizione è arricchita da ricette delle Osterie d’Italia, dall’ingegnosa zuppa di latte, al biancomangiare, fino alla panna cotta. 

Guarda il video della rappresentazione teatrale tratta dal libro. 

RECENSIONI

Il Tirreno

La Fenice Book

Aggiungi

Zaff&rano

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 68

«Fra i cinque e i sei anni feci due grandi scoperte: la lettura e la magia. Vidi, infatti, che lettere e suoni si corrispondevano. E, in cucina, vidi un riso bianco diventar giallo. Ciò era in potere di due djinn dei deserti, Zaff e Rano. Così, almeno, mi rivelò l’agne Guste, la prozia Augusta, che sovrintendeva allo spentolio della casa.»

Un sodalizio fra Zaff e Rano, due demoni del deserto che in un tempo lontano si erano congiunti, dà origine a un fiore che ha il potere di colorare di giallo il candido riso. La leggenda, narrata all’autore della prozia, è il pretesto per costruire una storia sospesa e sottile dove, in un flusso quasi indistinto di ricordi, le parole e le immagini si mischiano fino a diventare sapori. Hans Tuzzi, il creatore della celebre serie di gialli del commissario Melis, mette in piedi in questo racconto un capolavoro di lingua e di stile.

Alla fine del libro, un approfondimento dedicato alla pregiata spezia dorata.

Aggiungi

Dalla Bassa

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 92

Quattro racconti inediti scritti in gioventù da Gianni Brera, compianto giornalista e romanziere apprezzato che ha lasciato una traccia indelebile nella storia dello sport italiano, tanto da essere considerato un autentico maestro. 

Queste pagine ci parlano dei suoi luoghi di nascita, della Bassa pavese e delle persone che la abitavano. Con semplicità e immediatezza lo scrittore distoglie lo sguarda dal pallone e svela la sua passione per il cibo, per la tavola e l'umanità che vi ruota attorno. 

LE RECENSIONI DELLA STAMPA

Corriere della Sera
Cucina e buon vino: quattro racconti del giovane Gianni Brera
Leggi

Minima&Moralia
Dalla Bassa: racconti di un giovane Gianni Brera
Leggi

Winenews
Gianni Brera e la passione per il cibo e l'umanità a tavola
Leggi

Il Giornale
Il giovane Brera "cucinava" storie piene di amore per il cibo e la Bassa
Leggi

Fabio Rizzari - Piattoforte
Racconti di Brera dalla Bassa
Leggi

Aggiungi

Il morzello di Nancy Harena

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 128

L’accoglienza di un ospite illustre nel paese di Primaserra diventa una vera e propria sfida che coinvolge quattro famiglie, ciascuna impegnata in alleanze e dispetti all’avversario.

La narrazione si svolge nell’arco di una settimana e al suo interno compaiono riferimenti al pranzo in preparazione per dare il benvenuto a Nancy Harena.

I cibi e le ricette fanno parte della competizione tra le famiglie, ma allo stesso tempo paiono stemperarla con i sapori e profumi che emanano dal racconto.

Aggiungi

Guerra e pane

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 96

«Quando mio padre tornò a casa io non lo riconobbi. A dire il vero non l’avevo mai conosciuto, perché dopo il giugno del ’40 era stato richiamato sotto le armi e successivamente inghiottito e travolto dalla faciloneria con cui la guerra era stata progettata…»

Inizia così il racconto scritto da Margherita Oggero per la collana Piccola biblioteca di cucina letteraria, un ritratto domestico che ci fa entrare in punta di piedi nell’infanzia di una delle maggiori scrittrici italiane contemporanee.

Sullo sfondo della Torino dei bombardamenti e dell’immediato dopoguerra, l’autrice tratteggia, con disincanto e ironia garbata, una quotidianità fatta di piccoli gesti e riti familiari spesso legati al cibo. Pagine emozionanti che raccontano la vita nel nostro paese, in bilico tra le culture contadina e industriale, dove incontriamo i familiari di Margherita e i piatti della sua infanzia.

Il volume si chiude con un piccolo approfondimento sulla storia del baracchino e con il ricettario della memoria dell'autrice: panada, panissa, minestra con semolino e riso con latte e castagne.

LE RECENSIONI DELLA STAMPA

Mariarosaria Bruno - FineDiningLovers
"Guerra e pane", tra riti quotidiani e cibi dei primi anni Quaranta
Leggi

Claudia Rumi - FoodMoodMag
Guerra e pane. 97 pagine che toccano l'anima
Leggi

Aggiungi

Lepre al civet

Prezzo al pubblico: 10,00 €
Prezzo online: 9,50 €
Prezzo socio: 8,00 €


Collana: Piccola biblioteca di cucina letteraria
Confezione: cartonato con sovracoperta
Formato: 11,5x17 cm
Pagine: 80

Una ricetta della tradizione piemontese che affonda le sue radici nella cultura culinaria francese del Medioevo diventa protagonista e filo conduttore per il racconto scritto da un grande cantautore italiano.

Non solo la ricetta – nel libro si respira tutto l’amore per quella di nonna Tilde – ma anche il racconto rocambolesco e avventuroso, non senza note ironiche, di come procurarsi una lepre, protagonista indiscussa della tavola e della memoria di Giorgio Conte.